8 Following

Let the Sky Fall

Currently reading

Clockwork Princess
Cassandra Clare
Jennifer L. Armentrout

Crown of Midnight (Throne of Glass #2) - Sarah J. Maas

Crown of Midnight - Sarah J. Maas

English review (più sotto trovate quella in italiano)


“Enough! We have enough enemies as it is! There are worse things out there to face!”Celaena slowly turned to him, her face splattered with blood and eyes blazing bright. “No, there aren’t,” she said. “Because I’m here now.”


Crown of Midnight begins a few weeks later the ending of Throne of Glass; Celaena is now working for the king of Adarlan, and she is forced by him to assassinate the crown's enemies, even if her methods could be considered rather questionable. Her new job is to eliminate a group of rebels that seems to want to intefere with the king's mysterious plans, which brings her close to an old acquaintance of hers, Archer. Her mission will turn out to be more intricate than she expected, while new unsettling revelations about the ruler of the kingdom will be discovered.


Actually, making a recap of the plot of this novel is quite difficult, since it's more like a sequence of events that follow one another at a fastened pace, between twists (more or less predictable) and sudden discoveries. I loved the first book in the series, but Crown of Midnight is even better: in Throne of Glass we met the world created by Sarah J. Maas and its characters, and in here we see their evolution, while they're all put in front of trials more and more difficult to overcome and obligated to choose where their loyalties lie. Therefore they lose that air of superficiality that had characterized their behaviours before.


Celaena is the protagonist we remembered, the assassin with a heart of gold who has no intention to play by the ruthless king's rules. And yet, despite her numerous abilities, Celaena is a girl with a lot of flaws, that often takes impulsive and terribly wrong decisions for her own sometimes selfish agenda. That's exactly what I loved about her, the fact that she would do anything for the people she loves, but at the same time she shows fears and insecurities towards her own destiny, which give her a humanity that would be otherwise obfuscated by her endless abilities. In Crown of Midnight we find her grown up and partially matured, but we also see a dark and frighful side of her personality, the one of the assassin raised by Arobynn. The development of her relationship with Chaol is beautiful and gradual with a series of unexpected twists, sometimes good and sometimes incredibly painful. Honorable and loyal, Chaol always tries to do the right thing, but is constantly divided between his duties as Captain of the Guards and his love for Celaena, and this split will bring them to what seems to be a point of no return (even if I don't really believe it).What is certain, though, is that the event that marks the middle of the book completely shakes the situation and will have consequences for everybody, not only for the couple and the other people of the royal palace, but also for the rest of the continent. It's the necessary step that finally leads Celaena to start acting concretely and stop being "nothing but a coward".


I won't deny, though, that the true revelation of this second installment was Dorian. While in Throne of Glass he is presented as the classic prince, a bit spoiled and womanizer, we now find him more adult and conscious, a symple boy who has strong and sincere feelings for Celaena, even if he knows that she will never reciprocate them. I appreciated and at the same time it broke my heart his attempt to step aside when he realizes the nature of Chaol and Celaena's relationship, trying to become for her a true friend she can relies on. No annoying love triangle then, and no obsessive guys who try in every way to win over the belle who can't make up her mind. And Dorian's story is not only about his love for Celaena, because the young prince is also in search for clarifications about himself, after discovering truths that could put him in danger in his own home.


Some bonds strenghten, others are permanently broken. Magic becomes a more and more relevant presence in Erilea and the misteries are thicker, even if we find the answers to many questions, while one hundred more pop up. There are a lot of action scenes, but they're never gratuitous or heavy and here we can feel Maas's brilliant style. I love her writing, detailed but with no frills, which makes the reading of her books an always flowing and engaging experience, so much that everything seems to end way too soon.


Crown of Midnight has everything that had worked in Throne of Glass and even makes many steps forward, both in the development of the plot and of the characters, that I absolutely love. There are a million more things to say because every relationship deserves to be explored; this is really a perfect novel because it has everything, from action to romance. Writing a second installment in a series is never easy, especially if the first one was successful, because it means to be able to live up to expectations; and let me say that Crown of Midnight does its job in a very dignified way. If you loved the first book, you can't not to read this one, and if you didn't particularly like it then I think that this sequel could do the trick for you.

Anyway, Throne of Glass is now officially in the list of my favorite series, and the only doubt now is how I will be able to bear the wait for the next book!


An advice: if you haven't done it yet, you should read the four novellas that come first Throne of Glass; they're really cute, and in this second novel there are many references to what happened in them that could get you confused otherwise.




“Enough! We have enough enemies as it is! There are worse things out there to face!”Celaena slowly turned to him, her face splattered with blood and eyes blazing bright. “No, there aren’t,” she said. “Because I’m here now.”


Crown of Midnight comincia poche settimane dopo la fine di Throne of Glass; Celaena lavora ormai per il re di Adarlan, ed è da lui costretta ad assassinare i nemici della corona, anche se i suoi metodi potrebbero risultare piuttosto discutibili. Il suo nuovo compito è quello di eliminare un gruppo di ribelli che sembrano voler interferire con i misteriosi piani del re, il che la porta a contatto con una sua vecchia conoscenza, Archer. La missione si rivelerà più intricata del previsto, mentre verranno a galla nuove inquietanti scoperte sul sovrano del regno.


In realtà riassumere la trama di questo romanzo è abbastanza difficile, dato che si tratta più che altro di una serie di avvenimenti che si succedono a ritmo serratissimo, fra colpi di scena (più o meno prevedibili) e continue rivelazioni. Se già avevo adorato il primo libro della serie, Crown of Midnight è addirittura un passo avanti: in Throne of Glass abbiamo conosciuto il mondo creato da Sarah J. Maas e i suoi personaggi, e qui ne vediamo la loro evoluzione, mentre sono tutti messi di fronte a prove sempre più difficili da superare e obbligati a scegliere a chi giurare la loro lealtà. Perdono così quell'alone di superficialità che in parte aveva caratterizzato i loro comportamenti in precedenza.


Celaena è la protagonista che ci ricordavamo, l' assassina dal cuore d'oro che non ha alcuna intenzione di stare al gioco dello spietato re. Eppure, nonostante le sue numerose abilità, Celaena è una ragazza piena di difetti, che spesso compie decisioni impulsive e tremendamente sbagliate per i propri fini, in certi casi anche egoistici. E' proprio questo che ho adorato di lei, il fatto che farebbe di tutto per le persone che ama, ma allo stesso tempo mostra paure e insicurezze nei confronti del proprio destino, che le conferiscono un'umanità che sarebbe altrimenti offuscata dalle sue interminabili capacità. In Crown of Midnight la troviamo cresciuta e in parte maturata, ma assistiamo anche ad un lato oscuro e spaventoso della sua personalità, quello dell'assassina cresciuta da Arobynn. L'evoluzione del suo rapporto con Chaol è bellissima e graduale e vede una serie di svolte inaspettate, alcune belle, altre incredibilmente dolorose. Onorevole e leale, Chaol cerca sempre di fare la cosa giusta, ma è continuamente diviso fra i suoi doveri di Capitano delle Guardie e il suo amore per Celaena, e questa scissione porterà a quello che sembra essere per i due un punto di non ritorno (ma io ci credo poco). Certo è che l'evento che segna la metà del libro stravolge le carte in tavola e avrà delle conseguenze per tutti, non solo per la coppia e per gli altri abitanti del palazzo reale, ma anche per il resto del continente. Si tratta del passaggio necessario che porta finalmente Celaena ad agire concretamente e a smettere di essere "nient'altro che una codarda".


Non nascondo però che per me la vera rivelazione di questo secondo romanzo è stata Dorian. Se in Throne of Glass si presenta come il classico principe un po' viziato e donnaiolo, qui lo ritroviamo più maturo e consapevole, un semplice ragazzo che prova dei sentimenti forti e sinceri nei confronti di Celaena, pur sapendo che lei non lo ricambierà mai. Ho apprezzato e allo stesso tempo mi ha spezzato il cuore il suo tentativo di mettersi da parte una volta resosi conto del rapporto fra Chaol e Celaena, cercando di diventare per la ragazza un vero amico su cui poter fare affidamento. Niente fastidiosi triangoli, dunque, e niente ragazzi ossessivi che cercano in tutti i modi di conquistare la bella di turno, eternamente indecisa. E la vicenda di Dorian non ruota solo intorno al suo amore per Celaena, perché il giovane principe è anche alla ricerca di chiarimenti su se stesso, dopo aver scoperto verità che lo metterebbero in pericolo nella sua stessa casa.


Alcuni legami si rafforzano, altri si spezzano definitivamente. La magia diventa una presenza sempre più rilevante ad Erilea e i misteri sono sempre più fitti, anche se troviamo le risposte a molte domande, mentre ne vengono poste altre cento. Le scene d'azione abbondano, ma non sono mai gratuite o pesanti e lo stile brillante della Maas si sente anche qui. Adoro il suo modo di scrivere, descrittivo ma senza troppi fronzoli, che rende la lettura dei suoi romanzi sempre scorrevole e avvincente, tanto che sembra finire tutto troppo presto.


Crown of Midnight riprende tutto ciò che aveva funzionato in Throne of Glass e compie ulteriori passi avanti, sia nell'evoluzione della storia che dei personaggi, di cui mi sto innamorando sempre più. Di cose da dire ce ne sarebbero milioni perché ogni relazione meriterebbe di essere esplorata; questo è davvero un romanzo completo, a cui non manca niente, dall'azione al romanticismo. Scrivere un secondo libro di una serie è sempre difficile, soprattutto se il primo è stato apprezzato, perché significa riuscire a soddisfare le aspettative; e lasciatemi dire che Crown of Midnight compie più che dignitosamente il suo lavoro. Se avete amato il primo questo non potete proprio lasciarvelo scappare, e se non vi è particolarmente piaciuto credo che questo seguito potrebbe convincervi di più.

In ogni caso, Throne of Glass entra ufficialmente nella lista delle mie serie preferite, e ora l'unico dubbio è come riuscire a sopportare l'attesa per il prossimo libro!


Consiglio spassionato: se ancora non lo avete fatto, recuperatevi le quattro novelle che precedono Throne of Glass; a parte il fatto che sono carinissime, in questo secondo volume ci sono molti riferimenti ad esse che confonderebbero un po' le idee senza sapere la storia che c'è dietro!